BpVi e Vb, transizione a Intesa: bancomat a singhiozzo

È iniziato il processo di transizione delle filiali e dei clienti di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca in Intesa Sanpaolo. Un “trasloco” che riguarda oltre 1,4 milioni di conti correnti con i relativi Iban: 840 mila per BpVi e 580 mila per Veneto Banca. Come riporta Federico Nicoletti sul Corriere del Veneto, l’operazione è di fatto scattata ieri pomeriggio alle 14 e continuerà fino alle 21 di venerdì. I bancomat delle due ex popolari potranno subire interruzioni di servizio, poi l’operatività riprenderà regolarmente, ma solo con la funzione di prelievo e per cifre limitate a 250 euro.

Regolare invece il servizio sui bancomat Intesa Sanpaolo e Cassa di Risparmio del Veneto. Le vecchie carte bancomat delle due banche venete rimarranno valide fino al 31 marzo, ma con un limite di prelievo di 250 euro, tuttavia da lunedì i clienti potranno chiedere le nuove tessere in filiale. Il clou del lavoro di migrazione informatica è in programma nella giornata odierna: le filiali chiuderanno alle 12.30, per avviare le procedure di aggiornamento informatico, per riaprire lunedì mattina con l’operatività appoggiata sul sistema informatico di Intesa Sanpaolo.

(Ph. Shutterstock)