«Così ho visto morire papa Luciani»

È stato presentato nel seminario di Belluno il libro Papa Luciani. Cronaca di una morte, scritto da Stefania Falasca, che ha anche contribuito a portare avanti la causa di beatificazione. Come scrive Francesco Dal Mas su La Tribuna a pagina 15, la presentazione del volume sul papa veneto è stata l’occasione di ascoltare la testimonianza di Margherita Marin, suora del convento di Vittorio Veneto all’epoca in cui il futuro Giovanni Paolo I era vescovo. Nel ’78 lo seguì in Vaticano e ad oggi è l’unica ancora in vita delle quattro suore che assistevano il pontefice. E fu proprio lei a trovare il corpo senza vita di Albino Luciani. Per la prima volta ha parlato dei 34 giorni a fianco di un papa molto umile e della drammatica esperienza della sua morte, che secondo lei è stata naturale.

Descrive così le ultime ore del papa: «si è svegliato, ha celebrato, ha fatto la colazione, ha letto i giornali e si è messo al lavoro. Nel pomeriggio ha recitato i vespri con il segretario irlandese, ha cenato e ci ha dato la buonanotte. Mi ha chiesto se tutto era pronto per la celebrazione del mattino, aggiungendo: “se il Signore vuole, celebreremo…”. Era sereno, per nulla affaticato. Alle 5.15 portammo il caffè in sacrestia. Andai a prendere la spesa e alle 5.30, vedendo che il caffè era ancora lì, ci preoccupammo. La morte era stata fulminea».

Tags: ,