Forte Marghera, Brugnaro fa causa a Pettenò

La giunta del Comune metropolitano di Venezia-Mestre ha fatto causa all’amministratore unico della Marco Polo System Pietrangelo Pettenò (in foto) e al suo socio Kede (Unione dei Comuni della Grecia). Come scrive l’edione di Venezia del Corriere del Veneto a pagina 11, l’accusa è di aver violato i limiti di mandato che scadevano nel 2015 e di non aver versato le tasse sui rifiuti per le strutture di Forte Marghera per un importo di 270 mila euro. Secondo l’accusa, tali imposte sono state evase fino al 2014 anno di sottoscrizione di una convenzione con la coop Controvento. Il Comune chiede ora un corposo risarcimento.

La Marco Polo rientra nelle società partecipate che il Comune ha intenzione di dismettere. Ma tale operazione è osteggiata dai soci minoritari con in prima linea proprio Kede. La società, sostiene il Comune, è scaduta il 21 giugno 2015 come conseguenza della decisione di liquidarla. Ma un’ordinanza del tribunale ha accertato che ci sarebbe stato un tacito rinnovo fino al 21 giugno 2020.