«Mutui e prestiti per casa di lusso, ecco perchè mi prostituivo»

In un’intervista a Enrico Ferro sul Mattino a pagina 3, la 40enne madre di due figli e impiegata scoperta a prostituirsi in una casa per appuntamenti di Saonara, racconta le motivazioni della sua scelta. «Ho acquistato una casa da 500 mila euro nella Bassa padovana. Ho fatto un mutuo e poi un prestito per sistemarla. Poi è arrivata la cassa integrazione. A un certo punto non ce l’ho più fatta a pagare e quindi ho fatto un altro prestito e un altro ancora e un altro ancora. Mi sono ritrovata con un mutuo e sette prestiti. Ecco come mi è venuto in mente».

«Ogni mese dovevamo pagare circa 4 mila euro. Non potevo perdere quella casa, l’ho fatto per i miei figli», continua la donna. «Sono scesa a compromessi come alcune belle attrici (…) ricevevo 3-4 uomini al giorno e facevo sui 10 mila euro al mese – conclude la 40enne – Ci sono mogli che fanno di peggio».

Tags: ,