«Io e mio figlio abbiamo l’epatite A. Informatevi e vaccinatevi»

La giornalista televisiva Francesca Barra, inviata della trasmissione di Canale5 Matrix, e speaker su Radio105, ha l’epatite. Lo annuncia lei stessa su Facebook e Instagram: «sono ricoverata in ospedale per Epatite A. Dunque un virus contratto attraverso cibo contaminato (insalata in busta lavata da mani sporche? Chissà…ho sempre pensato di essere super accorta lavando tanto insalata, verdure). Quello che mi devasta è che sia ricoverato anche mio figlio. Quindi l’abbiamo presa entrambi a Milano. Vi racconto la mia esperienza perché io e i bambini non eravamo vaccinati per l’Epatite. E questo è stato – per me – un errore». La giornalista pone dunque l’accento sul tema vaccini, in base alla sua esperienza: «non voglio convincere nessuno a vaccinarsi, non impongo il mio pensiero, ma vi consiglio di informarvi, visto che i casi sono in aumento, presso il vostro medico di fiducia. Di non sottovalutare i sintomi e di farvi visitare da medici di cui vi fidate».

Ignoravo che ci fosse una epidemia di Epatite A. E così… non ci siamo vaccinati. Io e il mio bimbo siamo ricoverati in ospedale. Ringrazio tutti per il vostro affetto. Sono ricoverata in ospedale per Epatite A. Dunque un virus contratto attraverso cibo contaminato (insalata in busta lavata da mani sporche ? Chissà…esistono diversi modi…ho sempre pensato di essere super accorta lavando tanto insalata, verdure). Molto probabilmente trascorrerò le feste qui, ma non importa. Quello che mi devasta è che sia ricoverato anche mio figlio . Quindi l’abbiamo presa entrambi a Milano (dove c’è stata una vera e propria epidemia ripeto!). Vi racconto la mia esperienza perché io e i bambini non eravamo vaccinati per l’Epatite. E questo è stato- per me- un errore. Non voglio convincere nessuno a vaccinarsi, non impongo il mio pensiero, ma vi consiglio di informarvi, visto che i casi sono in aumento, presso il vostro medico di fiducia. Di non Sottovalutare i sintomi e di farvi visitare da medici di cui vi fidate. ??☀️? purtroppo i vaccini scarseggiano in tutta Europa per questo tipo di Epatite. Ma allora se e’ in corso un aumento di casi, non sarebbe il caso che il Ministero della salute diramasse norme, comportamenti per la prevenzione, anche nelle scuole, a noi genitori?

Un post condiviso da Francesca Barra (@francescabarra1) in data:


Si rivolge poi alla ministra della Salute Lorenzin chiedendo una maggiore prevenzione: «io ignoravo che questo virus fosse in aumento nella mia città, come si contraesse e quanto si potesse stare male. In un Paese Civile, quando manca la cura, e c’è un allarme, come minimo ci si attiva con la prevenzione. O sbaglio? L’educazione sanitaria è come non mai una priorità. E non parlo solo del mio caso specifico, che però diventa un pretesto per scriverLe questa lettera. Immagino cosa possa succedere per altre malattie contagiose. Soprattutto i giovani dovrebbero essere maggiormente informati sui comportamenti igienici sanitari, alimentari e sessuali da seguire».

Barra risponde infine a chi l’ha attaccata su Facebook: «se ho condiviso questa esperienza non era per attivare l’odio degli antivaccinisti (una è riuscita anche a scrivere che sarei pagata chissà da chi). Detto questo ognuno è libero di informarsi. E credo anche che abbia però il diritto di essere informato. Senza farla diventare una battaglia contro chi racconta con educazione e apprensione. Ma considerandolo un arricchimento di informazioni anche quando si decide di infischiarsene. Come avevo fatto io due mesi fa, quando alla richiesta dopo un caso a noi vicino di vaccinarmi, ho pensato: ma perché a me dovrebbe succedere?»

(ph. Francesca Barra/Instagram)

Tags: