Treviso, inquinavano il Sile: denunciati due nigeriani

A seguito di un controllo gli agenti del Nucleo di Tutela Territorio della Polizia Locale di Treviso hanno scoperto una un’officina meccanica abusiva a cielo aperto in un’area residenziale di via Castellana. Ad operarla senza le necessarie autorizzazioni amministrative ed ambientali erano due quarantenni di nazionalità nigeriana. Nell’officina è stata individuata l’origine dell’inquinamento delle acque di un fossato affluente al fiume Sile, segnalato ripetutamente negli ultimi mesi dai residenti della zona. 

L’olio esausto dei veicoli riparati infatti, percolava in un fossato adiacente all’officina abusiva, costituendo un grave pericolo per l’ecosistema fluviale minacciandone la fauna e la flora. Anche il deposito di parti di motore sul suolo rappresentava un fattore di rischio ambientale, data l’altissima probabilità di percolamento di liquidi lubrificanti. L’area è stata subito messa in sicurezza e nei confronti dei due gestori  è scattata la denuncia a piede libero per la violazione della normativa in materia ambientale e per la gestione illecita dei rifiuti. I due nigeriani sono stati anche sanzionati con una multa da 5.000 euro per l’esercizio dell’attività abusiva di autoriparazione.

Tags: ,