Ispettorato lavoro: «irregolari due aziende su tre»

I dati dell’Ispettorato del lavoro del 2017, primo anno dell’attività centralizzata, dicono che due aziende su tre sono irregolari. Ci si riferisce alle sole aziende ispezionate da gennaio a novembre, quindi manca l’ultimo mese dell’anno. Le aziende controllate sono poco più di 150 mila, tra cui Amazon e Ryanair. «Le ispezioni in cui sono stati contestati illeciti sono pari a 95.006, che rappresentano il 65% degli accertamenti definiti al 30 novembre 2017 – si legge nella relazione, che rileva anche -la presenza di 1 lavoratore in “nero” ogni 2 aziende irregolari».

Tra le realtà lavorative tenute d’occhio dal Ministero e dall’Inail ci sono anche quelle cooperative spurie che «invece di perseguire scopi mutualistici, agiscono in spregio dei diritti dei lavoratori e delle regole della sana concorrenza al solo fine di massimizzare il profitto». Sotto controllo anche Mondo Convenienza e la società Castelfrigo. In questo caso il ministero fa sapere che  sono state contestate «sanzioni amministrative per più di 120 mila euro e l’evasione di più di un milione di euro di contributi previdenziali». Infine il fenomeno del caporalato. Nel settore agricolo, con 6600 accertamenti, il tasso di irregolarità supera il 50%.

Fonte: Repubblica