Verona, Melegatti chiede danni a fondo Abalone

Il tribunale di Verona si è espresso negativamente sul fondo Abalone «che ad oggi non ha ancora adempiuto all’obbligazione assunta per il Natale e pertanto la Melegatti, che si riserva di intentare richiesta di danni, non può proseguire alla firma dell’accordo quadro». E’ quanto scritto dall’azienda dolciaria in una nota dove aggiunge «di aver chiesto la cassa integrazione per i lavoratori che non sono in sciopero fino all’inizio della sperata produzione di Pasqua».

«Gli advisors e la proprietà sono già a lavoro per trovare una soluzione alternativa entro i termini stabiliti dal Tribunale, ossia il 23 febbraio, per salvare la storia e la tradizione dell’azienda veronese», conclude Melegatti.