Vigili del fuoco, Usb: «ci chiamano eroi, ma tolgono diritti»

Il sindacato Usb dei Vigili del Fuoco è in agitazione a causa del contratto nazionale, atteso da anni, che non soddisfa le esigenze di questa categoria di lavoratori. È stato diffuso un volantino in cui si elencano le loro richieste. «”Prendi i soldi e stai zitto, per i diritti vedremo più in là”. Ecco il sunto di quello che stanno proponendo ai vigili del fuoco dopo anni di attesa per un contratto che tarda ancora ad arrivare. La politica vuol distribuire questi quattro “spiccioli” sperando che arrivino prima delle elezioni del 4 marzo, mentre per le vere esigenze della categoria non ha il minimo interesse» scrivono sulla loro pagina Facebook.

«Sono bravi a chiamarci eroi per poi trattarci come lavoratori di serie B» prosegue il post, che va poi ad elencare i punti salienti di quello che secondo loro dovrebbe essere un giusto contratto: «chiediamo aumenti salariali adeguati al costo della vita, pensioni di anzianità adeguate al nostro lavoro usurante, una assicurazione Inail per gli incidenti sul nostro lavoro, mai più precari travestiti da volontari».