Macerata, l’attentatore: «immigrazione va stroncata» [VIDEO]

«Volevo fare qualcosa contro l’immigrazione, perché l’immigrazione clandestina va stroncata». Si è giustificato così durante l’interrogatorio Luca Traini, l’attentatore neofascista di Macerata che sabato ha creato il panico sparando per strada e ferendo sei persone. Il 28enne, ex candidato comunale della Lega, si trova ora in carcere in regime di isolamento, con l’accusa di tentata strage aggravata dalle finalità di razzismo. Nella sua casa di Tolettino, i carabinieri hanno sequestrato una copia del Mein Kampf, una bandiera con la croce celtica e altre pubblicazioni fasciste.

Gli investigatori hanno portato via anche i computer dell’uomo per verificare se vi siano elementi utili alle indagini. L’attentatore ha dichiarato che all’inizio progettava di aspettare Innocent Osegale, il pusher nigeriano indagato per la morte di Pamela Mastropietro, la 18enne rinvenuta fatta a pezzi la scorsa settimana, e colpirlo all’uscita dal Tribunale. Poi però avrebbe cambiato idea, iniziando a sparare a vista contro ogni persona di colore incontrata per strada.

Fonte: Euronews

Tags:

Leggi anche questo