Risonanze, Veneto taglia esami inutili per anziani

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La Regione vara il piano per limitare le risonanze magnetiche per gli over 65. Come scrive Valentina Calzavara su La Tribuna a pagina 19, la misura ha l’obbiettivo di ridurre l’eccesso di esami inutili e contenere le spese per le casse regionali. Il documento di linee guida redatto da un team di esperti invita i medici a «non eseguire indagini radiologiche (radiografie, Tc e Rm) entro le prime quattro-sei settimane dall’esordio dei sintomi».

Saranno quindi da ridurre gli esami per lombalgia, artrosi, lesioni osteo-articolari o che coinvolgono tendini e legamenti ad eccezione dei “redflags” (allarmi rossi) che riguardano un sospetto di frattura vertebrale, infezione, neoplasia e altre lesioni significative. In veneto ogni anno vengono svolte 269 mila prestazioni di risonanza magnetica della colonna e muscoloscheletrica di cui 67 mila riguardano soggetti ultra65enni, che nel 55% dei casi si sottopongono a Rm muscoloscheletrica. L’Ordine dei medici di Treviso accoglie di buon grado l’invito a ottimizzare le prescrizioni ma al tempo stesso invita i medici ad agire secondo coscienza valutando caso per caso la situazione del paziente onde non sottovalutarne le condizioni di salute.

(ph: www9.ulss.tv.it)

Tags: ,

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Taglio da norma generale = taglio politico.
    I Medici vanno educati a dare prescrizioni corrette, non a rispondere a parametri estranei alla tutela della salute.
    Oltretutto, l’intervento è tutt’altro che neutro.
    Stabilita una previsione, in funzione di essa si fanno le convenzioni e di conseguenza si determina la lunghezza delle liste d’attesa.
    Con liste d’attesa lunghe, sono proprio i casi più urgenti o che si presentano come ipoteticamente più gravi, quelli che sono costretti a ricorrere alle prestazioni private.
    Alla fine, risulterà che le maglie della rete sono ancora troppo larghe e si procederà ad ulteriori restrizioni.
    Questo è lo schema dei nuovi criminali sociali: fingono di non sapere che il corpo sociale è vivo e reagisce alle regole e quindi si peggiorano sempre più le regole, in modo apparentemente giustificato.

  • Suggerisco ai nostri politici di rileggere “L’esame” di Richard Matheson: vi troveranno una soluzione del problema davvero efficace e radicale.

  • Lupis Tana

    forse è la volta buona che i vecchi cominceranno a stare bene. meno invasioni (corporee) meno preoccupazioni. t l