Melegatti, tribunale dice no a campagna pasquale

Dopo la disponibilità di Hausbrandt Caffè a finanziare la campagna pasquale dell’azienda dolciaria veronese in crisi Melegatti, arriva la doccia fredda. Nell’incontro con i sindacati il presidente del noto marchio trevigiano ha comunicato che il tribunale di Verona ha bloccato l’operazione. Come scrive Samuele Nottegar sul Corriere del Veneto nell’edizione di Vicenza e Bassano a pagina 12, l’intento del giudice è tutelare i lavoratori e responsabilizzare i vertici di Melegatti. La campagna avrebbe dovuto iniziare l’8 gennaio, ma era stata bloccata dai dubbi sul fondo Abalone. La scadenza sarebbe stata il 7 marzo, ma iniziando quasi a metà febbraio la produzione si sarebbe conclusa il 9 marzo, sforando di due giorni. Secondo il tribunale il rischio era il ripetersi di quanto accaduto a Natale, quando, conclusasi con successo la campagna, i finanziatori si erano dileguati.

I sindacati hanno comunque deciso di rimuovere i picchetti davanti ai cancelli, in segno di fiducia verso Hausbrandt, che, attraverso il presidente Zanetti, ha dichiarato di essere ancora intenzionata a ristrutturare il debito e acquisire la Melegatti per salvare i posti di lavoro. Nel frattempo, in attesa che il tribunale approvi il nuovo piano che l’azienda trevigiana ha intenzione di presentare a breve, gli operai rimangono in cassa integrazione. Pare quindi che per Pasqua non avremo le colombe Melegatti, ma la speranza è di riavere i pandori.

Tags: ,