Brasile, carabiniere ucciso: presi i killer

Gli investigatori hanno identificato i quattro assassini di Mario Simone, il carabiniere in pensione ucciso lo scorso
20 novembre ad Igarapè, in Brasile. Confermata la tesi della vendetta personale, sostenuta fin dall’inizio dai familiari del militare pugliese, per 18 anni servizio a Bagnoli, Conselve, Piove di Sacco e Rovigo.

Un anno e mezzo fa, Simone aveva scovato i rapinatori nella propria abitazione, reagendo e mettendoli in fuga. I malviventi si sono vendicati sparandogli e torturandolo, tranciandogli anche due dita col machete. Il piano, come riporta Gabriele Pipia sul Gazzettino prevedeva anche di decapitare la vittima dopo l’omicidio.

Tags: ,

Leggi anche questo