«Rimborsopoli M5S, esponenti veneti pubblichino estratti conto»

«Invito con forza tutti i parlamentari, senatori, consiglieri regionali veneti del Movimento Cinque Stelle a pubblicare senza timore gli estratti conto che testimoniano gli avvenuti bonifici con la restituzione dello stipendio». A chiederlo è il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Nicola Finco, dopo lo scoppio dello scandalo “rimborsopoli” che vede coinvolti diversi parlamentari del partito di Luigi Di Maio, «scoperti con le mani nella marmellata, o meglio, con il mouse sul tasto “cancella” dell’home banking», afferma l’esponente del carroccio in una nota. «Contestualmente alla pubblicazione degli estratti conto, i consiglieri regionali possono anche spiegarci come mai alla voce trasparenza del loro sito le rendicontazioni sono ferme in alcuni casi al 2016, mentre per altri non è nemmeno stata pubblicata».

«Inoltre – aggiunge- ci spieghino dove versano i soldi, in quale conto corrente e chi è l’intestatario. Siamo curiosi di conoscere anche le iniziative legate al microcredito per le pmi del territorio messe in campo in questi anni». Infine, conclude Finco, «ai contribuenti veneti voglio ricordare che i Cinque Stelle costano gli stessi soldi, alla pari degli altri consiglieri regionale, deputati e senatori. In questi anni hanno solo gettato fumo negli occhi dei cittadini parlando di trasparenza e onestà per poi rivelarsi per quello che sono realmente, peggio di certi politici della Prima Repubblica».

(Ph. arv)

Tags:

Leggi anche questo