Elezioni, l’imprenditore Colomban: «Grillo come Chàvez»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Massimo Colomban, imprenditore di Santa Lucia di Piave (Treviso), fondatore della multinazionale Permasteelisa e della società immobiliare Quaternario Investimenti S.p.a., lancia l’allarme contro l’eventualità che il Movimento 5 Stelle possa vincere le elezioni il prossimo 4 marzo. I moderati e gli imprenditori stiano attenti, perché sarebbero i primi ad essere penalizzati. Questo sembra essere il sunto del monito di Colomban, che non è poi tanto diverso da quello di Berlusconi, che in diverse occasioni ha definito i grillini degli «invidiosi», «peggio dei comunisti nel ’94», «pericolosi», colmi d’«odio per gli imprenditori». Ma questa volta l’attacco viene da uno che fino a poco tempo fa lavorava a stretto contatto con il Movimento di Grillo e Casaleggio.

Colomban infatti nel 2016 è stato nominato da Virginia Raggi assessore alle partecipate pubbliche nel comune di Roma. Un anno dopo si è dimesso e, stando a quanto detto nell’intervista a Stefano Lorenzetto sul Corriere della Sera, non deve aver conservato un bel ricordo del modo di fare politica del M5S. «Grillo? Vuole ridurre l’Italia come il Venezuela – ha detto l’imprenditore trevigiano – adatta il socialismo reale al terzo millennio. Di economia capisce poco. Se affronti una questione seria svia il discorso, prende tempo. Se arriva al governo lo sviluppo si ferma. Grillo pensa che sia un pericolo». Per Colomban quello del M5S è «un modello di società che non deve creare ricchezza. E pretende che a guidarlo sia lo Stato, con la Cassa depositi e prestiti a finanziare le imprese». Esempio lampante di questa mentalità è, secondo Colomban, una delle proposte più importanti, e per molti elettori allettanti, del movimento, cioè il reddito di cittadinanza. «Ma chi paga? – chiede retoricamente l’ex assessore – Si capisce benissimo dove andrà a parare. Tassa sui patrimoni. Tassa sulle eredità. Tassa sulle rendite speculative. Togliere alle imprese per dare a chi non fa neppure la fatica di cercarsi un lavoro è una follia» conclude.

Fonte: Repubblica.it

Tags: , ,

Leggi anche questo

  • Massimo Colomban ha i suoi ottimi motivi per dire ciò che dice del M5S e di Grillo. Messosi generosamente a disposizione della Raggi, è stato di fatto impedito a procedere al risanamento di quel pozzo senza fondo costituito dall’osceno sistema delle partecipate del Comune di Roma,
    Il “taumaturgo” Grillo (che non amo) sarà anche un italico Chavez in quanto a “intelligenza” economica, e il “reddito di cittadinanza” pura follia: e tuttavia è opportuno ricordare a Colomban – che perseguì la non virtuosa strada del “fare cassa” vendendo la sua Permasteelisa agli stranieri – un piccolo, inoppugnabile fatto.
    Ovvero che le imposte sul patrimonio, sulle successioni e sulle rendite speculative furono la chiave di volta della strategia keynesiana che permise agli Stati Uniti di F.D. Roosevelt di uscire dalla drammatica crisi degli anni Trenta del secolo passato, e di tornare ad essere la più grande potenza economica del globo.
    Il che sta a dire che gli strumenti economici, teoricamente neutrali, producono effetti diversi a seconda di chi li utilizza e dell’obiettivo che l’attore politico (o anche il singolo l’imprenditore) si pongono.
    Nel caso di Roosevelt, l’esito fu straordinariamente virtuoso. Nella monetizzazione di un successo imprenditoriale (quello di Permasteelisa), cui non è seguito un consequenziale reinvestimento in capitale di rischio, io ho visto invece solo il prevalere della tesaurizzazione del successo e l’appannarsi di una vocazione imprenditiva. Il che dovrebbe consigliare un “bel tacere”.