«Venezia maleducata, residenti la svendono»

«Venezia? non la riconosco più. La chiamo Veniceland, e sono i veneziani i primi a svenderla. Per strada, poi, c’è tanta maleducazione. Ma è normale, con una massa abnorme di persone, che mangia male ed è trattata peggio». Così in intervistato da Eugenio Pendolini a pagina 19 de La Nuova Venezia di oggi, il fumettista Lele Vianello, stimato disegnatore che collaborò anche con Hugo Pratt.

Vianello cita anche i problemi delle grandi navi («una violenza») e il crollo della popolazione: «cosa si pretende se non si dà lavoro e case ai giovani?». Mentre sul Lido conclude: «per me il Lido è un agglomerato di cose messe insieme. Il mio Lido è Malamocco e gli Alberoni, dove ritrovo ancora un mondo incontaminato, da preservare. Una fetta di terra che nobilita una città intera. Ecco, lì una storia ce la ambienterei».

(ph: wikimedia commons)

Tags: ,

Leggi anche questo