Suolo Vivente, sfida rurale: risparmio idrico e meno inquinamento

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Innovazione e agricoltura conservativa per il risparmio idrico, la salvaguardia del suolo e la riduzione dell’inquinamento. Se ne parlerà nei due incontri che si svolgeranno lunedì 19 febbraio, dalle ore 15.00 nella sede di Veneto Agricoltura a Legnaro in provincia di Padova e martedì 20 febbraio dalle ore 10.00 nel salone del palazzo municipale di Villadose, in provincia di Rovigo.

Una due giorni intensa promossa da Crea-RRN in collaborazione con l’ Associazione Temporanea di Scopo “Suolo Vivente” e con il supporto di Veneto Agricoltura e del progetto Life Helpsoil. Attraverso un laboratorio in campo programmato in quello che sarà il territorio d’azione del costituendo gruppo operativo, Suolo Vivente intende discutere la propria idea di P.A.G.O. in modo partecipato con le aziende potenziali partner ed per la prima volta in Veneto con i gruppi operativi dell’Emilia Romagna, raccogliendo spunti, istanze e commenti dagli operatori.

Il Suolo Vivente è un progetto che vede impegnate l’azienda agricola di Francesco Da Schio ed altre aziende agricole del Veneto, l’Università degli Studi di Padova, il Centro Istruzione Professionale e Assistenza Tecnica del Veneto, il Museo Esapolis di Padova, la Confagricoltura Veneto, il Comune di Villadose. Gli eventi sono inseriti nell’ambito della linea di attività “CREA 5.1 Pagamenti agro-climatico-ambientali (PACA)” del Programma Rete Rurale Nazionale 2014-2020 del Ministero delle Politiche Agricole (Mipaaf), che appoggia a livello nazionale azioni di informazione, animazione, supporto e condivisione di esperienze fra i diversi portatori di interesse dell’agricoltura conservativa e dei PSR.

Questi due incontri e tutto il progetto “Suolo Vivente” puntano ad un maggior coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, alla trasparenza e alla visibilità delle politiche comunitarie e nazionali, sottolineando le opportunità per i giovani e la promozione dell’innovazione nel settore agroalimentare e forestale.

Tags: ,

Leggi anche questo