50 anni di Avis Veneto, si festeggia grande valore del donare sangue

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

L’Avis regionale Veneto ha festeggiato ieri il suo cinquantesimo anno di fondazione. «Questa giornata – ha spiegato il presidente Giorgio Brunello – non è solo una celebrazione, ma un’occasione per riflettere sul grande valore del dono e ribadire che l’impegno solidale deve essere al centro dell’agire di tutti coloro che intendono impegnarsi a favore dei più fragili, gli ammalati, di chi si trova in stato di bisogno e, più in generale, a favore della comunità. L’Avis Veneta in questi 50 anni ha saputo guardare a se stessa, ma anche fuori, diventando spesso un punto di riferimento per altre regioni e realtà e questa deve continuare ad essere la sua caratteristica, pur tra nuove difficoltà e nuovi scenari».

 

Sono state tante le sfide (dalle “battaglie” con le istituzioni e i medici al Piano Sangue, al consorzio per la lavorazione del plasma, dai gemellaggi con Basilicata e Slovenia alla cooperazione internazionale, dal nuovo slancio al periodico al fondo per dare sostegno a campagne e azioni strategiche di comunicazione, alla ricerca scientifica…), tanti i cambiamenti, tante le conquiste raggiunte. Così come le difficoltà, gli scontri accesi e le nottate a discutere, perché quando l’obiettivo finale è il malato, non ci si può e non ci si deve risparmiare. Non esistono campanili, non esistono confini.

Oggi conta oltre 131 mila soci, una media di 600 donatori che donano ogni giorno nei Centri trasfusionali e nei Centri di raccolta, in ogni angolo del Veneto, una media di 220 mila donazioni all’anno, 6 sedi provinciali, oltre 300 sedi comunali e il contributo dell’Abvs (Associazione bellunese donatori sangue) affiliata con i suoi oltre 6 mila soci.

 

Vuoi diventare donatore? Clicca qui per sapere come fare.

Ph: Facebook Avis Regionale Veneto

Tags:

Leggi anche questo