Verona, camoscio scende in città e sparisce

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La Polizia Provinciale di Verona è alla ricerca di un esemplare di camoscio (Rupicapra rupicapra) che sarebbe apparso due volte di notte in viale Università, davanti alla facoltà di Economia e Commercio all’altezza del cantiere dell’ex caserma Passalacqua. Come scrive Bartolo Fracaroli su l’Arena a pagina 19, i cani degli agenti hanno individuato tracce di feci dell’animale poi scomparso nel nulla. Secondo il guardiacaccia del Parco regionale della Lessinia Paolo Parricelli, «sono soggetti giovani che, cercando nuovi territori a sud, incappano nei cani lasciati liberi di notte e ne fuggono fino a giungere in città, terrorizzati. Abbiamo anche trovato caprioli, vivi e morti, a Montorio e vicino a Santa Toscana. In Trentino ci sono allevamenti anche di questa specie».

Secondo le ipotesi degli esperti di Federcaccia, c’è la possibilità che l’animale facesse parte di un carico clandestino di selvaggina catturata per ripopolamento o per fornire ristoranti che servono camoscio nel menù. L’esemplare potrebbe essere tornato in collina o essere stato catturato con dei fucili silenziati dato che nessuna carcassa è stata ritrovata.

(ph: pixabay.com)

Tags: ,

Leggi anche questo