Razzisti e anti-razzisti, due complici del vero padrone: la finanza

La licenza di espropriare il risparmio (vedi BpVi e Vb) ha portato alla disgregazione sociale. Ma noi ce la prendiamo con gli effetti e non con le cause

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Siamo alle solite, Calimero» diceva un vecchio carosello. L’ennesima rappresentazione teatrale tra imbecilli razzisti nostalgici di un periodo storico che, probabilmente, non conoscono, e sostenitori di un ipocrita egualitarismo globalista finanziario. Uno degli effetti della disgregazione sociale generata dalla disoccupazione, o dalla mancanza di prospettive occupazionali o dalla precarietà, è il razzismo e il conseguente anti-razzismo ipocrita, due mali contemporanei figli della perbenista cultura della stabilità monetaria presupposto indispensabile dell’efficientismo finanziario.

Può essere utile riflettere su alcune parole di Federico Caffè, un illuminato economista: «da tempo sono convinto che la sovrastruttura finanziario-borsistica, con le caratteristiche che presenta nei paesi capitalisticamente avanzati, favorisca non già il vigore competitivo, ma un gioco spregiudicato di tipo predatorio che opera sistematicamente a danno di categorie innumerevoli e sprovvedute di rispamiatori, in un quadro istituzionale che, di fatto, consente e legittima la ricorrente decurtazione o il pratico spossessamento dei loro peculi. Esiste una evidente incoerenza tra i condizionamenti di ogni genere – legislativi, sindacali, sociali – che vincolano l’attività produttiva “reale” nei vari settori agricolo, industriale, di intermediazione commerciale, e la concreta “licenza di espropriare l’altrui risparmio” che esiste nei mercati finanziari».

Quarant’anni di liberalizzazione finanziaria dell’economia, con il conseguente trasferimento di ricchezza dal basso verso l’alto (aumento delle diseguaglianze) e la concreta licenza di espropriare l’altrui risparmio (BpVi e Vb), ci hanno portato in una società insicura, razzista e ipocrita. Negare il nesso tra la cultura del libero mercato, finanziarizzazione dell’economia e aumento della disoccupazione, delle intolleranze etniche, culturali, religiose, significa negare la realtà. Viviamo in una società dove i penultimi considerano gli ultimi la causa del loro malessere, mentre i responsabili della condizione degli ultimi e dei penultimi si atteggiano a censori dell’intolleranza dei penultimi. La tragedia di una povera ragazza è diventata la nuova operazione di distrazione di massa, dove razzisti imbecilli alimentano ipocriti antirazzisti che rinvigoriscono imbecilli razzisti, in un circuito vizioso sterile e socialmente autodistruttivo.

Intanto le scelte sbagliate responsabili della disoccupazione e dell’intolleranza non vengono affrontate: “segui il denaro” diceva Falcone. Invece noi seguiamo gli effetti e non le cause.

(ph: www.pinkpigeon.net)

Tags: , ,

Leggi anche questo

  • Paolo Maria Ciriani

    MA CI SONOANCHE TANTI IMBECILLI ED IGNORANTI che pretendono di fare affari nella finanza ! Senza conoscere le regole ed i cavilli di contratti finanziari sofisticati. Se non conosci non comprare! diceva un saggio detto dei nostri contadini.
    Ora, nemmeno io, che sono laureato in economia e commercio e abilitato alla libera professione, mi azzardo sul Forex o sugli swap o su contratti derivati, perchè sono strumenti finanziari estremamente complessi e riservati SOLO agli addetti ai lavori che conoscono specificatamente quei contratti. TUTTI GLI ALTRI DEVONO ASTENERSI e se non lo fanno, dopo non devono lamentarsi se sono stati buggerati.

    Ergo: già con polizze vita indicizzate e PIR, se uno non sa esattamente cosa sono e non capisce cosa c’è scritto nel contratto E’ D’OBBLIGO ASTENERSI.

    Così si evitano anche discorsi del c…o come quelli del giornalista sopraddetto: cosa c’entra il razzismo e l’antirazzismo con la finanza sofisticata??? lo sa solo lui !!!! Essere ignoranti e all’opposto dare o supporre e approffittare che uno sia ignorante finanziariamente non significa essere razzisti! Al più può essere eticamente censurabile fino a prova di truffa.
    Il mio macellaio, che tagliando carne ha fatto i soldi, all’epoca per non avermi ascoltato, ora ha perso oltre 250.000€. con BPVI, mentre se avesse reinvestito quei soldi nel suo lavoro che ben conosce, ora sarebbe proprietario di almeno altre 2 macellerie!!! E VIVREBBE TRANQILLAMENTE E LUSSUOSAMENTE DI RENDITA! mentre ora invece fa la “fame” con una pensione di 1.200€./mese e il rancore contro il mondo intero! (bancari, consulenti finanziari, avvocati, giudici e sopratutto con Zonin)

  • Paolo Maria Ciriani

    Dimenticavo: e se siamo finanziariamente ignoranti quanto un negro del Centro Africa, dobbiamo ringraziare tutti quei professoroni detrattori della cultura tecnica secondo i quali solo gli studi umanistici sono degni di essere superiori ( a che poi non si sà)