Zanè (Vi), alunni “hacker” taroccano voti: docente nella bufera

Attacco “hacker” alla scuola media “Don Milani” di Zanè. Come scrive Ivano Tolettini sul Giornale di Vicenza a pagina 30, gli autori, secondo le ricostruzioni di un’indagine interna, sarebbero gli stessi alunni 14enni della scuola (quindi non perseguibili dal tribunale minorile) che, entrati in possesso delle password di una docente, avrebbero violato il registro elettronico e modificato i loro voti. Nel sistema sarebbero state inoltre inserite alcune note inventate di sana pianta che hanno fatto inalberare i genitori che credevano fossero vere.

La preside Luciana Bassan, che guida l’istituto comprensivo “Rezzara” con sede a Carrè, di cui fa parte la scuola secondaria di primo grado di Zanè, ha fatto subito scattare delle verifiche interne e sentito l’insegnante. Inoltre i genitori di una ragazzina additata da alcuni come la responsabile, hanno fatto una segnalazione ai carabinieri di Thiene. Sulla vicenda sono in atto accertamenti. Secondo alcuni l’insegnante, momentaneamente distratta avrebbe consegnato le chiavi di accesso ad alcuni studenti per inserire i voti di una lezione. Secondo l’interessata invece, la password gli sarebbe stata sottratta. I voti modificati sono della sola materia della docente coinvolta. Il registro elettronico adesso è stato bloccato. Ma le polemiche continuano.

(ph: santalessandro.org)

Tags: ,

Leggi anche questo