Politiche, le priorità dei lettori di Vvox/1

Cosa chiedereste ai partiti in cambio del vostro voto? #votosolose

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Se vogliono il mio voto, lorsignori devono quanto meno approssimarsi alle mie condizioni». Il direttore Alessio Mannino nell’editoriale di domenica 25 febbraio (clicca qui se te le sei perso), elenca in 10 punti le priorità necessarie per il voto il 4 marzo prossimo, chiedendo ai lettori di inviare le proprie a Qui di seguito ne pubblichiamo alcune.


1) abbassare tasse e deficit (che è un modo carino per alludere al taglio della spesa).
2) voucher a tutto spiano nei servizi scolastici
3) limiti al suffragio universale
4) via i reati di opinione
5) responsabilizzazione dei giudici
6) legge elettorale maggioritaria
7) federalismo (concorrenziale)
8) revisione concordato (l’otto per mille è un guinzaglio)
9) liberalizzare i vizi (funo, droga, gioco, prostituzione…)
10) spostare i fondi dal welfare alla ricerca
11) ticket ovunque, su tutti i servizi pubblici: sanità, giustizia, scuola…. basta benestanti con l’accesso gratuito.

Riccardo Mariani


1) Fuori dalla Ue
2) Fuori dall’euro
3) Fuori dalla nato
4) Nazionalizzazione settori strategici
5) Pro vita: no eutanasia
6) Pro famiglia uomo e donna: incentivi per aumentare natalità
7) No gender e no indottrinamento nelle scuole
8) Scuola: ritorno alla riforma Gentile
9) No stupidaggini giuridiche come il femminicidio
10) Controllo sull’immigrazione

Gilberto Moretti


1) Presidenzialismo contro lo strapotere della partitocrazia.
2) Cancellazione totale dei vitalizi con effetto retroattivo. La politica non deve essere un mestiere di 5 anni che fa campare a sbafo tutta la vita.
3) Riduzione dei parlamentari della Camera e abolizione del Senato.
4) Né antifascismo, né anticomunismo. Libera espressione della propria filosofia politica sui social e nelle piazze.
5) Pene severissime per chi, durante una manifestazione, si rende protagonista di atti violenti contro persone o proprietà.
6) Meritocrazia assoluta in occasione dei concorsi pubblici con pubblicazione sul web delle prove svolte e ripresa video delle prove orali.
7) Riscoperta del Tricolore.
8) Difesa dell’identità nazionale contro le imposizioni dell’Europa: gli italiani padroni in casa loro.
9) Blocco dell’accoglienza dei migranti (anche con l’uso della Marina militare) fino alla dislocazione dei presenti nel territorio europeo. In seguito l’Italia, geograficamente primo approdo, si dichiari favorevole a un’accoglienza a tempo determinato. Le aziende che scelgono forza lavoro straniera possono farne richiesta ai loro paesi d’origine, con l’obbligo di equiparare i salari a quelli degli italiani.
10) Sovranità monetaria di ogni singolo stato europeo. L’Italia torni a stampare la moneta che usa. In alternativa: doppia moneta, con ritorno alla lira per le transazioni nazionali.

Franco Costa


Faccio miei i punti di Potere al Popolo, che si possono leggere qui. Di mio, aggiungo questo: recuperare un decimo dell’evasione fiscale delle multinazionali che secondo L’Espresso sono di 600 miliardi. Un decimo ogni anno fanno 60 miliardi. Praticamente i soldi che ci chiede l’Europa con il Fiscal Compact per i prossimi venti anni.

Luciano Panato

Ph: Twitter @PaoloIelo1

Tags: ,

Leggi anche questo

  • Lupis Tana

    quando andrà al potere una classe degna stileremo la classifica delle priorità,
    ora non vedo luce in fondo al tunnel, ma un gas che ci annebbia la vista e ci fa perdere i sensi.
    (vedi i media, compreso la tv e i soci, network). t l