Bollette dei “furbetti”, pagheremo 2 euro in più

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Gli oneri di sistema della bolletta elettrica comprendono anche le morosità. Nei giorni scorsi ci sono state molte polemiche riguardo alla decisione di Arera di far pagare agli utenti onesti e puntuali le morosità di chi non paga le bollette. Sulle cifre sono circolate voci infondate, ma l’aumento ci sarà davvero. La cifra è attorno ai 2 euro all’anno. L’Autorità dell’energia si difende spiegando di essersi dovuta adeguare alle sentenze del Tar e punta il dito contro governo e parlamento, avvisati per tempo del possibile aumento delle bollette. Arera propone anche una soluzione: far pagare gli oneri di sistema in bolletta con le stesse modalità con cui si paga il canone Rai.

Intanto però le associazioni di consumatori non credono che l’aumento sarà solo di 2 euro. «Questo è l’effetto previsto come conseguenza della delibera n. 50, già entrata in vigore, non della delibera 52, che purtroppo estende anche a favore dei venditori quanto la delibera 50 prevede per i soli distributori – ha detto Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori. «Questo meccanismo equivale a far pagare ai consumatori il rischio di impresa. Una cosa assurda e contraria al presunto libero mercato che si vorrebbe instaurare a partire dal primo luglio 2019. Per questo Unc ha chiesto un incontro tra associazioni aderenti al Cncu (consiglio nazionale consumatori e utenti), il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda e la stessa Arera» conclude Vignola.

(Fonte: Repubblica.it)

Tags: ,

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Ci sono i furbetti della bolletta, e noi paghiamo.
    Ci sono i furbetti cosiddetti rifugiati, e noi paghiamo.
    Ci sono i nomadi che vivono in campi semi permanenti, e noi paghiamo i vari costi.
    Ci prendono per il cesto, e noi paghiamo.
    Evidentemente, paghiamo ancora troppo poco.
    Se così non fosse, invece di pagare ci ribelleremmo.