Caso acque Treviso, Rizzotto (Zaia): «M5S e Pd allarmisti»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Ritengo gravi e inaudite le dichiarazioni di alcuni Consiglieri regionali che stanno cavalcando un’ondata di dati vecchi, incontrollati e non verificati dal punto di vista scientifico, sulla qualità delle acque erogate da ATS, l’azienda di Treviso che serve oltre 50 comuni della Marca». Ad affermarlo è la Capogruppo di “Zaia Presidente” Silvia Rizzotto, che aggiunge: «Prima è intervenuta la Consigliera del Movimento 5 Stelle Bartelle, a ruota si sono aggiunti i Consiglieri Zanoni del PD e Guarda del gruppo Alessandra Moretti Presidente, con dichiarazioni che trovo scorrette e fuori luogo. A tutti indirizzo il medesimo suggerimento: se hanno tra le mani elementi oggettivi e riscontri concreti sulle questioni che hanno sollevato, si rechino in Procura, si assumano le proprie responsabilità e sporgano denuncia. Diversamente, si astengano dal creare inutili allarmismi, non coinvolgano l’ente Regione in una questione che non le compete e la smettano di volteggiare come avvoltoi sulla popolazione agitando questioni vecchie e di dubbia paternità, in merito alle quali le autorità competenti avrebbero senza dubbio agito se alcunché di concreto fosse emerso dal 2014 a oggi».

«Nel merito, aggiungo che giudico fuorviante anche l’aver coinvolto direttamente la ATS, la Alto Trevigiano Servizi, un’azienda che ha sempre gestito il servizio idrico integrato in maniera seria e corretta per conto dei 53 Comuni che formano la società. Il comportamento dei Consiglieri in questione non può passare sotto silenzio – conclude Rizzotto – e non riterrei fuori luogo, giunti a questo punto, che la società intervenisse per tutelare non tanto e non solo i propri interessi, ma quelli dei cittadini che hanno il sacrosanto diritto di poter utilizzare in piena sicurezza l’acqua potabile nella convinzione che la qualità del prodotto sia ottima, mettendo al riparo gli utenti da inutili allarmi, frutto di una polemica di parte che nulla ha a che fare con gli interessi della collettività».

Tags: , ,

Leggi anche questo