Padova, sale comunali vietate ai neofascisti

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La giunta padovana di Sergio Giordani (in foto) ha approvato ieri la delibera per vietare le sale pubbliche ai movimenti neofascisti e discriminatori. Come scrive Luca Preziusi sul Mattino a pagina 19, la modifica del regolamento introduce per chi fa richiesta degli spazi pubblici la “sottoscrizione” dell’articolo 3 della Costituzione (quello che garantisce la pari dignità di tutti i cittadini, ndr) e della legge Scelba che vieta l’apologia di fascismo. Il provvedimento, promosso dalla consigliera di Coalizione Civica Daniela Ruffini, era stato rinviato a dopo le elezioni del 4 marzo per permettere a tutti i partiti e movimenti in corsa di fare campagna elettorale.

Come si legge nella delibera, le sale saranno vietate alle associazioni che «direttamente si richiamano all’ideologia, ai linguaggi e rituali fascisti, alla sua simbologia, e alla discriminazione razziale, etnica, religiosa o sessuale, o per ragioni di lingua, di opinioni politiche, o per condizioni personali o sociali». «Da sindaco ho giurato sulla Costituzione, che difende valori come la tolleranza e la solidarietà – ha commentato il sindaco Giordani -. Non posso concedere spazi a chi vorrebbe utilizzarli come megafoni per esprimere messaggi di odio».

Tags: ,

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Credo che, semplicemente, lo faranno fuori dagli spazi comunali, spazi liberi e incontrollabili.
    Bravo Giordani!