Lavoratori stranieri: «insulti razzisti». La ditta: «basiti»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

E’ bufera sull’azienda Reggiani Visual di San Pietro in Cariano (Verona). In un servizio mandato in onda dal Tg3 il 19 marzo, un gruppo di dipendenti stranieri accusa i dirigenti di maltrattamenti, pestaggi, insulti razzisti, minacce di morte e sfruttamento e straordinari non pagati. I lavoratori, sostenuti dal sindacato Adl Cobas, hanno picchettato lunedì i cancelli dell’azienda di stampe grafiche.

Ma l’azienda si difende: «lunedì siamo rimasti basiti da quello che è successo – spiega l’amministratore delegato Leonardo Reggiani in una articolo di Gianfranco Riolfi su l’Arena a pagina 24 – in 20 anni non abbiamo mai avuto una vertenza sul lavoro, non capiamo cosa sia successo». «Non abbiamo mai negato un giorno di ferie a nessuno, (…) né imposto orari. L’obiettivo è sempre stato solo quello di portare avanti il lavoro, senza oppressione. Da noi l’umanità è la prima cosa». «Se ci fosse qualcuno che ha delle responsabilità – assicura Reggiani annunciando un’indagine interna – la nostra risposta sarà ferma e determinata, perché non possiamo accettare che questo possa accadere».

MINACCE RAZZISTE REGISTRATE DAI DIPENDENTI

In un'azienda nel veronese i dipendenti, quasi tutti stranieri, subivano minacce di stampo razzista da parte di due dirigenti. I lavoratori però hanno registrano le aggressioni e li hanno denunciati, anche pubblicamente. Dal Tg3 delle 19 del 19 marzo 2018, il servizio di Rossana Caviglioli

Publié par Tg3 sur lundi 19 mars 2018

Tags: ,

Leggi anche questo