Veneto Banca, vertici post-Consoli: «non era insolvente»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Ieri in aula a Treviso gli ex vertici di Veneto Banca, succeduti a Vincenzo Consoli, con i loro avvocati e i commissari liquidatori, hanno dichiarato che l’istituto di credito non era insolvente. La prossima udienza è fissata per il 19 aprile. Se il giudice dovesse decidere per l’insolvenza, si aprirebbe un nuovo filone d’inchiesta con l’accusa di bancarotta.

Come scrive Sabina Tomé sul Mattino di Padova a pagina 11, secondo i legali degli ex membri del cda, la banca era in dissesto, ma comunque in grado di lavorare, quindi non c’è bancarotta. In aula erano presenti l’ex presidente del Cda Massimo Lanza, i commissari liquidatori Fabrizio Viola, Alessandro Leproux e Giuliana Scognamiglio. «Veneto Banca era adempiente a tutte le obbligazioni in scadenza e dava corso in tempo reale a tutte le richieste di rimborso dei depositi che riceveva e a tutte le operazioni. Abbiamo depositato i bilanci e la banca, al 25 giugno, non risulta insolvente», ha dichiarato la Scognamiglio, aggiungendo: «insolvenza e dissesto sono due cose diverse. Abbiamo operato in una seppur difficile situazione di normalità».

Tags: , ,

Leggi anche questo

  • Ilario Fantuzzi

    Quindi di chi è la responsabilià dell’insolvenza?

    • Paolo Maria Ciriani

      del capo del Governo Gentiloni di concerto con il ministro Padoan. Da loro
      è stata dichiarata la liquidazione coatta che può essere iniziata solo dopo l’accertamento dell’insolvenza, ed invece detto accertamento non è stato fatto appositamente per favorire la gratuita acquisizione da parte di Intesa.
      Essere insolventi significa che non si è in grado di pagare i creditori e tra questi i depositanti e i correntisti, fatto che in concreto non è mai avvenuto nè per Venetobanca nè per BPVI. Parlo per diretta conoscenza in quanto correntista e fornitore di servizi di BPVI : ho sempre potuto prelevare e hanno sempre pagato
      le fatture a loro carico: quindi tecnicamente non erano insolventi e quindi non poteva essere dichiarata la procedura di liquidazione coatta.

  • Adriano Tolomio

    Vergognatevi e basta! Restituite i soldi ai truffati!

    • Giorgio Manuli

      Concordo una vera vergogna tutta Italiana