Arcole (Vr), parroco si fa crocifiggere: «lo faccio per i profughi»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Singolare iniziativa di Don Diego Castagna, 41 anni, parroco di Arcole (Verona). Il sacerdote, scrive l’edizione di Vicenza del Corriere del Veneto a pagina 9, si è fatto crocifiggere (senza chiodi ma legato a 4 metri d’altezza con le corde, ndr) dai parrocchiani durante la Via Crucis della domenica delle Palme. «Ho scritto io la sceneggiatura, è una provocazione, contiene molti elementi di contemporaneità: il tema dei profughi, quello del femminicidio e della violenza contro le donne, la perdita del lavoro. Se Cristo oggi fosse tra noi, si occuperebbe di questo, sarebbe in prima linea tra i profughi, tra le donne e accanto a chi ha perso il lavoro», spiega il parroco.

«Assomiglio a Gesù nell’aspetto, non per essere adorato come lui – aggiunge – ma per provocare e fare riflettere sulle emergenze di oggi, su quello che ognuno di noi può fare per aiutare il prossimo». La performance è andata in scena davanti a 300 persone dopo la sfilata lungo l’argine dell’Alpone. «L’idea di questa Via Crucis è partita proprio dalla presenza di un gruppo di profughi nella nostra comunità – conclude Don Castagna -. Così Gesù sbarca ad Arcole da un barcone, insieme ai migranti. E poi ad una successiva stazione, è chiuso in gabbia con le donne picchiate, sfregiate, violentate, che poi verranno liberate. Infine marcia sopra un carro con chi ha perso il lavoro per la crisi».

Tags: , ,

Leggi anche questo

  • che vada in Medio Oriente, lì i cristiani vengono crocifissi dai musulmani

  • don Franco di Padova

    Dimostra di non aver capito alcunché.
    Nel Vangelo Cristo annuncia il Padre e tutto il resto ne è conseguenza.
    Il povero prete parte dalle conseguenze del male e dopo lo spettacolo ci lascia orfani della Parola di vita eterna.
    Se gli piace tanto, poteva fare il regista, magari poteva fare qualcosa di buono.