«Quelli sono uccelli protetti», sequestrato maxi-spiedo agli alpini

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Avevano organizzato un’ampio banchetto in una casa a Torri di Quartesolo in provincia di Vicenza. Portata principale? Uccelli allo spiedo. Peccato però , scrive Paolo Mutterle sul Giornale di Vicenza, che il volatile che doveva finire sul piatto era una specie protetta. In seguito ad una telefonata anonima, sono così intervenuti gli uomini della polizia provinciale che hanno sequestrato un maxi-spiedo con in cottura i 380 esemplari di prispolone, uccello noto anche col nome di “tordina”. Denunciato il cuoco un vicentino di 80 anni che ora rischia una pena da 2 a 8 mesi di carcere o una multa da 774 a 2065 euro.

(ph: braciamiancora.com)

Tags: , ,

Leggi anche questo

  • Luca

    Che cena sarebbe se non ci fossero 380 animali morti di una specie protetta???
    Con tutto quello che è legale mangiare c’è sempre qualcuno che se la cerca…
    Probabilmente è gente che sta così bene da dover pagare per finire nei guai.