Fedez: «non giudicate i genitori dalle foto dei figli sui social»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Hanno scelto di vivere il loro essere genitori sui social rimanendo comunque coerenti con quanto fatto in passato (la proposta di matrimonio in Arena di Verona solo per fare un esempio). Stiamo parlando del rapper Fedez e della fashion blogger più famosa del mondo Chiara Ferragni, diventati da poco genitori del piccolo Leone. Se in tanti apprezzano a suon di like, facendo diventare Leone il bambino più cliccato del web, in molti criticano questa scelta, a volte con parole esagerate e discutibili. Per questo motivo Fedez ha deciso di pubblicare un video in cui mette i puntini sulle i in questa vicenda.

«Al di là delle opinioni personali che ognuno può avere sulla decisione di pubblicare o meno le foto del proprio figlio, le capacità genitoriali non dovrebbero essere giudicate dalle foto social», dice. «Si sta condividendo il momento più bello della propria vita, come in qualsiasi famiglia figlia della nostra generazione. Sembra quasi che siamo l’unica famiglia d’Italia a pubblicare le foto del proprio figlio e a condividere una gioia così grande. Non siamo i primi personaggi pubblici a pubblicare le foto del proprio figlio, a condividere una gioia così grande. Non è la foto di nostro figlio sui social che lo espone, nostro figlio sarebbe stato esposto inevitabilmente al pubblico, non prendiamoci in giro».

«Ci sono personaggi pubblici – continua – che da tre anni a questa parte condividono senza alcun ritegno la loro vita privata in cui fanno uso di quelle che sono le nuove droghe farmaceutiche che vendono qui in America. Quindi fatemi capire: il messaggio di pubblicare la foto di nostro figlio è sbagliatissima, invece pubblicare le foto della codeina mischiata con succo di frutta da quelli che dovrebbero essere esempi per i vostri figli, cosa sono? Abbiamo condiviso momenti della nostra vita, può piacere non piacere, non ci interessa: è la nostra vita».

Tags:

Leggi anche questo