Sicilia, voto di scambio: 2 arresti nella lista di Salvini

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Alessandro Pagano, coordinatore della Lega in Sicilia, è indagato nell’ambito di un’inchiesta sul voto di scambio alle scorse elezioni politiche e regionali. Nel merito delle indagini sono finiti in manette anche Salvino e Mario Caputo, il primo ex consigliere regionale ed ex sindaco, il secondo candidato, ma non eletto nella lista “Noi con Salvini” alle scorse regionali.

L’accusa che ha portato i due agli arresti domiciliari è di aver offerto posti di lavoro in cambio di voti. In manette anche l’intermediario Benito Vercio. L’inchiesta si allarga anche all’assessore comunale alla pubblica istruzione di Termini Imerese, Loredana Bellavia e il consigliere comunale Michele Galioto, entrambi esponenti della Lega.

(Fonte: Ilfattoquotidiano.it)

Tags:

Leggi anche questo

  • ROBERTO

    Nel Nord Italia questi fatti di assunzioni negli enti pubblici legati alla Politica, quindi a Fi, Pd e Lega sono all’ordine del giorno, oltre al fenomeno di parentopoli.

    In buona sostanza il zoccolo duro del loro elettorato (Fi-Pd-Lega), è costituito da questi intrusi, peraltro sempre disposti agli intrallazzi. La corruzione di un Paese divenuto incivile inizia proprio da questi fatti che negano il diritto agli altri, anche se più meritevoli di un detentore di tessera di Partito.

    AVANTI TUTTA CON UN GOVERNO A GUIDA DI MAIO E I SUOI MINISTRI.