Primo parto di uomo transgender, scoppia il caso in Finlandia

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Polemiche in Finlandia per il primo parto di un uomo transgender. Il motivo? La legge nazionale prevede che per registrare il cambio di genere da donna a uomo sia provata l’infertilità. Invece, il “mammo“, che si è sottoposto a terapia ormonale a base di testosterone, nel 2015 ha cambiato legalmente genere da donna a uomo prima di sottoporsi all’intervento per completare la transizione fisica. Come riporta Luisa De Montis sul Giornale, inoltre, la transgender 30enne aveva sospeso la cura ormonale, per tentare di avere un figlio dal marito.

«Vogliono che la società mi dica cosa fare con il mio corpo e la mia vita? Nulla può fermarmi. Sono un uomo libero», aveva dichiarato al quotidiano Helsingin Sanomat durante la gravidanza. I medici temevano che la precedente cura ormonale potesse compromettere la gestazione. Fortunatamente, invece, è andato tutto a buon fine: «al momento della nascita, il bebè pesava 4 chilogrammi ed era lungo 53 centimetri», ha raccontato orgogliosamente l’uomo alla testata locale Lannen Media.

(Ph. Shutterstock)

Tags:

Leggi anche questo