Albanese finisce in ospedale dopo rapina, leghista va a trovarlo: il video

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

L’europarlamentare della Lega Angelo Ciocca, è andato a trovare un ladro albanese finito in ospedale dopo una tentata rapina ed ha documentato l’incontro con una diretta Facebook. Ciocca si è presentato con un cartello con scritto “il tuo crimine è costato 6500 euro. Chiedi scusa agli italiani“.

Fuori dal nosocomio, l’europarlamentare ha spiegato: «l’ospedale San Matteo di Pavia è una delle eccellenze del nostro territorio e una settimana fa ha preso in carico, ahimè, un criminale. Noi giustamente salviamo la vita anche a loro purchè una volta che finisce il periodo della cura, il criminale finisca in galera. Siamo venuti qui nel giorno delle dimissioni dell’albanese senza permesso di soggiorno e già pregiudicato che 10 giorni fa entrò nella proprietà privata di un cittadino. Ha messo in pericolo la vita della sua famiglia e, preso dal panico e dalla paura, sparò al ladro inavvertitamente colpendolo alla pancia. Il dramma è che le cure del criminale sono costate ai contribuenti 6500 euro».

Una volta entrato nella stanza, Ciocca ha detto: «sei entrato in casa di un italiano che fa fatica ad arrivare alla fine del mese e che lavora duro per riuscirci. Lei non può e non deve permettersi di entrare in una proprietà privata per togliere qualcosa che è di questo cittadino. Gli italiani le hanno salvato la vita, deve chiedere scusa per il gesto che ha fatto. L’Italia ha bisogno di gente che ha voglia di collaborare, contribuire e non di delinquenti. Oggi lei rientra a casa e ci interroghiamo perchè rientri a casa e non vada in carcere ma questo è colpa della giustizia italiana. Io le chiedo, da cittadino italiano e da deputato europeo: non stia in Italia se ha in mente di delinquere».

 

Tags: ,

Leggi anche questo

  • Lupis Tana

    Complimenti a Ciocca, una bella iniziativa e, ci vorrebbe anche una foto gigante da far vedere ai vicini, i su Youtube, in modo che si vergogni e se possibile risarcisca.

    Alla mattina la televisione (al posto del monoscopio) che non ha un tubo da far vedere alla gente, dovrebbero mettere tutte le facce di delinquenti italiani e non, continuamente, per giorni e giorni, chissà che non si vergognino.

  • don Franco di Padova

    Da parlamentare europeo porti questi casi per far capire a quei criminali come ci stanno sfiancando e quanta responsabilità hanno per la nostra crescente insofferenza nei confronti dei clandestini.