«Scuse da Cagnoni, vicepresidente Ieg resta vicentino»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Il vicepresidente sarà espressione dei soci vicentini». Così il sindaco e presidente della Provincia di Vicenza, Achille Variati, rassicura dopo le dimissioni di 6 dei 7 componenti riminesi del cda di Italian exhibition group (composto da 9 membri totali,ndr), il gruppo fieristico nato dalla fusione tra la Fiera di Vicenza e quella di Rimini. Il tema è stato ieri al centro di un incontro «preparato da tempo» e lungo un’ora e mezza a Palazzo Trissino fra il sindaco e il presidente e amministratore delegato di Ieg, Lorenzo Cagnoni.

Come scrive Gian Maria Collicelli in un articolo a pagina 9 dell’edizione di Vicenza del Corriere del Veneto, Cagnoni ha fatto presente che la decadenza del cda impone la necessità di rinnovarlo prima «prima dell’operazione di quotazione in Borsa prevista il prossimo autunno». La decisione dei soci riminesi pare sia stata comunicata con brevissimo preavviso ai due consiglieri vicentini Matteo Marzotto (vicepresidente) e Luigi Dalla Via. «Ho ottenuto le scuse del presidente per quello che ritengo uno sgarbo ai soci vicentini – afferma Variati sul Corriere del Veneto – almeno nei modi, visto che non era stato adeguatamente preannunciato. Nella sostanza, però, condivido le motivazioni di quel gesto, e cioè voler rinnovare il consiglio di amministrazione della società con largo anticipo nell’ottica di arrivare nelle migliori condizioni alla quotazione in Borsa».

Tags: , ,

Leggi anche questo