Siria, Salvini sta con Putin: «”fake news” per sganciare bombe? Basta»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Lo scenario che si sta delineando in queste ore nel conflitto siriano ricorda da vicino la “pistola fumante” delle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein con cui gli Usa giustificarono agli occhi del mondo l’invasione dell’Iraq nel 2003». Lo scrive Gianandrea Gaian in un articolo su Analisidifesa.it. Matteo Salvini, leader della Lega e di fatto, dopo l’esito elettorale, del centrodestra, ha condiviso l’articolo sul suo profilo Twitter e Facebook, accompagnando il link con queste parole: «notizie false per sganciare altre bombe? Basta guerre, grazie!».

Le “fake news” sarebbero relative all’attacco chimico del dittatore siriano Assad sui civili. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha pronunciato proprio oggi dure parole contro la Russia di Putin, che invece ritiene che Assad non sia colpevole: «preparatevi ad abbattere i nostri missili». In un video postato su Facebook Salvini aggiunge: io ho esultato per la vittoria di Trump, ma non è normale che un presidente degli Stati Uniti dica “arrivano i missili”, come se nulla fosse. Anche se il governo è dimissionario – aggiunge il leader leghista – dovrebbe, assieme a Merkel e Macron, bloccare le portaerei. Senza le truppe di Assad e l’intervento di Putin, la Siria sarebbe in mano all’Isis».

(Ph: Facebook – Matteo Salvini)

Tags:

Leggi anche questo