Zuckerberg: «fake news e privacy, non abbiamo fatto abbastanza»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Non basta connettere le persone e dar loro voce: bisogna garantire verità e sicurezza». Lo ha affermato il ceo di Facebook Mark Zuckerberg davanti alle commissioni Commercio e Giustizia del Senato Usa. «Non abbiamo fatto abbastanza per impedire che questi strumenti vengano utilizzati in modo dannoso. Non abbiamo affrontato in modo sufficiente le nostre responsabilità ed è stato un grosso errore. È stato un mio errore e mi dispiace», ha ammesso Zuckerberg. «Facebook è un’azienda idealista e ottimista. Per gran parte della nostra esistenza ci siamo concentrati su tutto il bene che le persone in grado di comunicare possono portare».

«Ma è chiaro ora che non abbiamo fatto abbastanza per impedire che questi strumenti vengano usati anche per il danno. Ciò vale per fake news, le interferenze straniere nelle elezioni e discorsi che incitano all’odio, così come per gli sviluppatori e la privacy dei dati». Infine, sul caso Russia-gate, collegato alla vicenda Cambridge Analytica: «In Russia vi sono persone il cui lavoro è cercare di sfruttare i nostri sistemi e altri sistemi internet, è come una corsa agli armamenti. Cercano di ottenere il meglio, e a noi tocca investire per far meglio di loro».

Fonte: Rainews

Tags:

Leggi anche questo