Verona, tifosi Hellas: «cara Juve, vera immondizia fu 1985»

Il blog Hellas1903, gestito da tifosi dell’Hellas Verona, il giorno dopo le polemiche sull’arbitraggio di Real-Juve che è costato ai bianconeri l’accesso alle semifinali di Champions, è andato a ripescare un episodio risalente al 1985. Il Verona allenato dal “comunista” Osvaldo Bagnoli (il tecnico milanese in un’intervista al Corriere della Sera disse che nel 1993 avrebbe potuto allenare il Milan, ma il presidente Berlusconi non lo volle perché «di sinistra» e allora andò all’Inter) aveva vinto il campionato. La Juve aveva vinto la Coppa dei Campioni (attuale Chapions League) e le due squadre italiane si incontrarono agli ottavi.

All’andata finì 0-0 e al ritorno vinse la Juve 2-0. Ma pesarono sulle partita le decisioni dell’arbitro francese Wurz che negò un rigore all’Hellas e ne concesse uno, contestato, alla Juve. Memorabili le parole di Bagnoli a fine gara. Dopo che un suo giocatore aveva rotto un vetro scagliando uno scarpino, i carabinieri che di norma presiedono la sicurezza, sentendo il rumore, entrarono negli spogliatoi del Verona per chiedere cosa fosse successo. Allora l’allenatore rispose, indicando gli spogliatoi della Juventus: «se cercate i ladri dovete andare di là». L’attaccante gialloblu Preben Elkjaer invece uscendo dal campo mimò il gesto di firmare un assegno all’arbitro, simile al gesto che è costato ieri sera l’allontanamento del giornalista Mediaset Mino Taveri dalle tribune del Bernabeu.

(Ph: Veronalive.it)

Tags: , ,

Leggi anche questo