Siria, Mosca: «se Usa attaccano nuove ondate di profughi in Ue»

Il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, è tornato a parlare della delicata situazione in Siria: «l’attacco americano in Siria rischierà di portare nuove ondate di profughi in Europa che non servono affatto a noi e ai nostri vicini europei. E questo è uno scenario che può solo far piacere a coloro che sono protetti dall’Oceano». Mosca continua con la sua difesa al governo di Assad, accusato di aver usato gas contro i civili: abbiamo dati inconfutabili che l’attacco chimico di Douma è stato organizzato dai servizi speciali di un Paese che, ora, sta cercando di essere nelle prime file della campagna russofoba».

 

Dopo le dichiarazioni di Matteo Salvini che si avvicina sempre di più alla Russia, arrivano le parole del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni scambiate  telefonicamente con la cancelliera tedesca Angela Merkel. Gentiloni ha fermamente condannato le violazioni umane avvenute durante la guerra in Siria e ha ribadito un chiaro no sulla partecipazione italiana alle operazioni militari contro Damasco. Anche se continuerà a fornire supporto logistico alle attività delle forze alleate, contribuendo a garantirne la sicurezza e la protezione.

Ph: By Christiaan Triebert – Flickr: Azaz, Syria, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=30976487

Tags:

Leggi anche questo