Siria, Mosca: «se Usa attaccano nuove ondate di profughi in Ue»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, è tornato a parlare della delicata situazione in Siria: «l’attacco americano in Siria rischierà di portare nuove ondate di profughi in Europa che non servono affatto a noi e ai nostri vicini europei. E questo è uno scenario che può solo far piacere a coloro che sono protetti dall’Oceano». Mosca continua con la sua difesa al governo di Assad, accusato di aver usato gas contro i civili: abbiamo dati inconfutabili che l’attacco chimico di Douma è stato organizzato dai servizi speciali di un Paese che, ora, sta cercando di essere nelle prime file della campagna russofoba».

 

Dopo le dichiarazioni di Matteo Salvini che si avvicina sempre di più alla Russia, arrivano le parole del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni scambiate  telefonicamente con la cancelliera tedesca Angela Merkel. Gentiloni ha fermamente condannato le violazioni umane avvenute durante la guerra in Siria e ha ribadito un chiaro no sulla partecipazione italiana alle operazioni militari contro Damasco. Anche se continuerà a fornire supporto logistico alle attività delle forze alleate, contribuendo a garantirne la sicurezza e la protezione.

Ph: By Christiaan Triebert – Flickr: Azaz, Syria, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=30976487

Tags:

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Se la Siria ha violato le leggi internazionali, ciò dev’essere verificato da una commissione internazionale, non essere pretesto per attacchi o bombardamenti contro uno Stato sovrano, come al solito, da parte dei pelosi “difensori” dei diritti e della giustizia, in realtà i più grandi assassini dal 1945 ad oggi.

    • Lupis Tana

      gentiloni nonostante il nome altisonante e un crim-inale.