«Omicidio stradale, incidenti non calano: legge inutile»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«La legge sull’omicidio stradale non ha portato alcun risultato». Lo ha detto il procuratore capo di Treviso Michele Dalla Costa (in foto) a proposito dell’inasprimento delle pene negli ultimi anni per chi provochi la morte o lesioni gravi di un’altra persona nel corso di un incidente. La legge di iniziativa popolare è stata invocata sin dal 2010 ed è stata definitivamente varata e approvata nel 2016. Come riporta La Tribuna a pagina 3, secondo Dalla Costa l’introduzione della patente a punti, nel 2003, «ha determinato un calo dei sinistri e delle morti su strada», mentre l’omicidio stradale no.

«Il legislatore, come spesso accade in questo Paese, si è mosso sull’onda dell’emotività, senza rendersi conto dell’impatto che questa norma avrebbe avuto sul sistema complessivo – ha spiegato Dalla Costa -.Quello che si chiedeva a gran voce con questa legge -ha aggiunto – era di mandare in galera chi si rendeva responsabile di omicidio stradale o di gravi lesioni. Nei fatti la legge non lo consente: c’è l’arresto in flagranza di reato, ma la norma non è raccordata al resto della legislazione. Quando il pm chiede la misura cautelare – conclude il procuratore capo – deve portare a sostegno delle circostanze che non sempre ci sono: il rischio di inquinamento delle prove, quando le prove sono già ben raccolte, il pericolo di fuga, che è difficile da dimostrare per il futuro, il pericolo della reiterazione del reato, che è dura da sostenere per una persona che fa per la prima volta un incidente. Se poi ci aggiungiamo il concorso di colpa, è facile intuire come sia veramente difficile approvare una richiesta di misura cautelare»

Tags: ,

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    L’incoerenza della legge e la sua incompletezza dovrebbe essere rimediata, non cancellata la norma sull’omicidio stradale.
    Scopo di una norma è prevenire, dissuadere, recuperare, ma anche punire.
    La delega di giustizia allo Stato suppone che vi sia anche una precisa componente afflittiva nella sanzione. In altre parole, la vendetta privata è di diritto rinunciabile se sostituita da un’equilibrata vendetta pubblica, non se tutti si fanno preoccupati predicatori del recupero del reo.
    Resta un fatto: una persona cara è morta per colpa di un altro. Non dimentichiamolo.