«Siria, aggressione contro chi combatte terrorismo: Onu intervenga»

Questa notte, alle 21 ora americana, Trump ha mantenuto le promesse e ha lanciato 103 missili su tre punti strategici legati secondo il pentagono alla fabbricazione di armi chimiche in Siria. L’esercito della difesa siriana di Assad ha risposto al fuoco e ha abbattuto 71 di quei missili. Il presidente russo Putin ha reagito con dichiarazioni infuocate alle notizie del bombardamento. «Senza un mandato del Consiglio di sicurezza dell’Onu, è una violazione del diritto internazionale – ha detto Putin, aggiungendo che l’operazione è stata – un atto di aggressione contro un Paese che sta combattendo il terrorismo».

Anche dall’Iran arrivano dichiarazioni pesanti che definiscono criminali Trump, May e Macron e minacciano conseguenze nella regione. In Europa la linea è invece di sostegno all’intervento, che Angela Merkel, cancelliere della Germania, definisce «necessario». Il premier italiano Gentiloni è d’accordo, ma spera che non ci sia «un’escalation». Il leader di Forza Italia invece critica il leader della Lega Salvini che ha definito l’attacco «pazzesco» affermando che «a volte è meglio tacere».

(Fonte: Ansa – 11:15)

 

 

 

Tags:

Leggi anche questo