Cgil Treviso: «riforma sanità regionale, una beffa»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La bocciatura delle medicine di gruppo integrate da parte del ministero «fa saltare il fulcro del Piano socio sanitario regionale (Pssr), ossia dell’intera riorganizzazione del sistema salute sul territorio. A sei anni dalla legge regionale di programmazione sanitaria, capiamo oggi che forse è stata tutta una beffa». Lo afferma la Cgil in un documento, puntando il dito contro gli «sbalorditivi ritardi e le gravi negligenze ai danni dell’utenza e della popolazione della Marca».

Come riporta Alessandro Zago su La Tribuna a pagina 23,  il leader della Cgil Giacomo Vendrame (in foto) ha spiegato che «quando è stato presentato il Pssr, era il 2012, come sindacato si sono condivisi gli obiettivi generali posti dalla Regione e, pancia a terra, ci si è messi subito a lavorare, analizzando la situazione in provincia di Treviso per definire proposte migliorative e dare risposta ai bisogni di salute, anche quelli emergenti, della popolazione. Ma dopo sei anni poco o nulla è stato fatto, tutto è ancora ai nastri di partenza. E così la beffa è servita».

(Ph. Facebook)

Tags: , ,

Leggi anche questo