Belluno, vertice su elettrodotto: «avanti con il ricorso»

“Molto positivo” il vertice sulla questione elettrodotto, che ha visto intorno al tavolo i comuni di Belluno e Limana, i parlamentari bellunesi, i rappresentanti bellunesi in Regione Veneto, il Presidente della Provincia e membri dei Comitati civici della Valbelluna: «c’è stata l’unità sperata, siamo tutti concordi nel rilevare le preoccupanti interferenze a livello paesaggistico e di sicurezza per l’aeroporto. – commenta il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro –. Ora andiamo avanti con il ricorso: non siamo mai stati contro il progetto di razionalizzazione nel suo complesso, ma siamo contrari al progetto fatto così come si presenta ora».

«Ci siamo soffermati soprattutto sul passaggio di Andreane e l’attraversamento del Piave, – sottolinea Massaro – dove il nuovo elettrodotto andrà ad interferire con il paesaggio delle Dolomiti Unesco e la vista della Schiara, con ripercussioni anche dal punto di vista turistico. Quello che più ci preme è però la questione dell’aeroporto: così come è concepito, l’elettrodotto rappresenta un importante ostacolo al volo per gli aeromobili di emergenza, rendendo inutilizzabile l’aeroporto per i mezzi di protezione civile, come i Canadair che dovrebbero così arrivare da Treviso. Belluno farà ricorso – conferma Massaro – così come Limana, la Regione Veneto e i comitati. Vogliamo bloccare la procedura e l’avvio dei lavori: non è un “no” all’elettrodotto, ma la richiesta di una riprogettazione per limitare al massimo i danni sul territorio».

Tags: ,

Leggi anche questo