Padova, preti truffati per 150 mila euro

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Una banda di 4 milanesi è finita in cella con l’accusa di aver raggirato 15 anziani sacerdoti per un totale di 150 mila euro. Come scrive Carlo Bellotto sul Mattino a pagina 11, i quattro avevano elaborato una convincente storia per ingannare i prelati: dicevano loro che era pendente una causa per l’acquisto di libri non pagati per un debito da 15 mila euro. Se però i sacerdoti avessero pagato i falsi legali la cifra di 10 mila euro, i truffatori assicuravano che avrebbero risolto la faccenda.

Le indagini sono partite dalla denuncia di un parroco padovano. Nella casa della finta centralinista del Tribunale di Milano che gestiva le chiamate telefoniche false da cui aveva inizio il raggiro, è stata trovata una lista con 600 nomi di preti. Le anziane vittime della banda sono tutte del nord (Padova, Rovigo, Treviso, Gorizia, Udine, Trento, Brescia): venivano raggirate prima al telefono con un elaborata truffa condita di dati inventati, poi con un fitto scambio di mail con documenti fasulli. In manette sono finiti Fabio Sacchi, 50 anni, Mario Giordo, 62 anni, Claudio Piacente, 36 anni e Concetta Di Franco, 38 anni.

Tags: ,

Leggi anche questo