«Ritiro onorificenza a partigiano Teppa, vergognose critiche da Anpi»

Il consigliere regionale di Forza Italia, Massimo Giorgetti, esprime soddisfazione per «aver presentato, assieme alla collega Elena Donazzan, una Mozione per il ritiro della onorificenza al partigiano “Teppa” Bortoloso , autore dell’eccidio di Schio. Il voto unanime del Consiglio regionale del Veneto sulla Mozione – osserva il consigliere – ha rappresentato un bell’esempio di recupero di una memoria comune, e di univoca condanna dell’eccidio di Schio. Per questo, voglio ancora ringraziare tutti i colleghi consiglieri che hanno votato la Mozione, al di là delle personali convinzioni politiche e ideologiche, nello spirito di pacificazione nazionale».

«Trovo invece incomprensibile e ingiustificabile la posizione assunta dall’Anpi che ha criticato il Consiglio regionale. Si tratta, infatti, dell’ennesimo tentativo di indulgenza verso un assassino come Bortoloso, che alimenta la tensione e le divisioni perché, se da un lato è legittimo sostenere che la causa antifascista era giusta, tuttavia l’episodio di Schio è avvenuto al di fuori del periodo di guerra, quando uccidere era diventato inaccettabile. Questo è stato un atto fuori legge e fuori dalle regole, eseguito dai partigiani in aperta sfida anche con i loro superiori. Dispiace dover rilevare – conclude Giorgetti – come in questa, come in altre occasioni, i rappresentanti dei partigiani assumano posizioni più vicine a quelle dei faziosi nostalgici della guerra civile, che di quelli che vogliono essere artefici della concordia nazionale e della verità storica».

Tags: ,

Leggi anche questo