L’Italia all’Onu: «donne importanti per prevenzione conflitti»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

(12:27) «Le donne, assicurando una prospettiva inclusiva su questioni come sicurezza, giustizia e governance, possono offrire un contributo efficace agli sforzi di prevenzione dei conflitti e riconciliazione nazionale». Lo ha detto il rappresentante italiano nel corso di un dibattito al Consiglio di Sicurezza Onu su donne, pace e sicurezza. «Il Mediterraneo, regione cruciale per la pace e la sicurezza internazionali, è colpito da minacce molteplici: conflitti, estremismo violento, crimine organizzato, traffico di esseri umani e emergenze umanitarie – ha ricordato il nostro Paese – “Il Network Mediterraneo delle Donne Mediatrici”, lanciato dall’Italia, vuole favorire una partecipazione femminile sempre maggiore nei processi di mediazione”

L’Italia ha inoltre insistito sull’importanza di portare di fronte alla giustizia i responsabili dei crimini sessuali e di genere, che possono costituire crimini di guerra e contro l’umanità: «E’ necessario assistere i governi nel rafforzare i meccanismi di responsabilità per questi reati – ha concluso il rappresentante italiano – E’ quello che si propone di fare il Centro Coespu di Vicenza, offrendo ai caschi blu addestramento e corsi specializzati su prevenzione e indagine dei casi di violenza sessuale e di genere». (Ansa 16 aprile 22:21)

(In foto: l’attrice e attivista britannica Emma Watson / ph: thehshq.com)

Tags: ,

Leggi anche questo

  • Lupis Tana

    elementare Watson… però chiediamo donne consapevoli, cioè con la testa, non con l’utero.