Istruzione, la Crusca insorge: «troppo inglese, si abbandona l’italiano»

L’Accademia della Crusca, istituzione fiorentina guidata da insigni linguisti e che dal 1583 si occupa della promozione e conservazione della lingua italiana nello sviluppo del suo lessico e delle sue norme grammaticali, critica le scelte linguistiche del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca guidato da Valeria Fedeli. Nel mirino in particolare il “Sillabo“, documento che promuove l’imprenditorialità nelle scuole statali secondarie di secondo grado. In questo documento ci sarebbe un uso eccessivo e inutile dell’inglese. L’Accademia parla di «abbandono sistemico della lingua italiana» e di «meccanica applicazione di un insieme concettuale anglicizzante, a fronte di un italiano volutamente limitato nelle sue prerogative basilari di lingua intesa quale strumento di comunicazione e di conoscenza.

Pare che per imparare a essere imprenditori non occorra saper lavorare in gruppo, bensì conoscere le leggi del team building. Non serva progettare, ma occorra conoscere il design thinking, essere esperti in business model canvas e adottare un approccio che sappia sfruttare la open innovation, senza peraltro dimenticare di comunicare le proprie idee con adeguati pitch deck e pitch day. Si usi maggiore rispetto – concludono i professori – per la lingua italiana. Dal canto suo il ministro Valeria Fedeli risponde: «l’utilizzo di termini stranieri si rivela funzionalmente necessario quando il “prestito” consente una funzione designativa del tutto inequivoca, specie se si accompagna all’introduzione di nuove “cose”, nuovi “concetti” e delle relative parole. È sbagliato, secondo me – conclude la ministra – porre in alternativa l’italiano, il cui valore va non solo difeso, ma anche consolidato e promosso, come ha fatto il Ministero che ho avuto in quest’ultimo anno e mezzo l’onore di guidare e l’inglese, che ritengo debba diventare lingua obbligatoria fin dalla scuola dell’infanzia, insegnato da docenti madrelingua».

(Fonte: Repubblica.it)

Tags: