Mestre, bengalesi: «Brugnaro, abbiamo diritto di pregare»

Kamrul Syed, portavoce della comunità bengalese di Mestre, lancia un appello al sindaco della città metropolitana Luigi Brugnaro affinchè aiuti i musulmani a trovare spazi per pregare. «I bengalesi nel Comune sono tra i 7 e gli 8mila – spiega Syed in un articolo di Marta Artico su La Nuova Venezia a pagina 25 – abbiamo bisogno di un luogo dove possiamo riunirci, ma è difficile da trovare, perché in centro non ci sono simili strutture. Dove andare? Siamo lavoratori, paghiamo le tasse, affolliamo le fabbriche di Marghera, non siamo di passaggio e non torneremo nei nostri Paesi».

«È anche un problema del primo cittadino – continua il rappresentante dei bengalesi -, se non ci tendono una mano continueranno a nascere gruppi ovunque; se invece c’è trasparenza, c’è anche più ordine e sicurezza». A preoccupare la comunità islamica del Veneziano è soprattutto l’incombenza del Ramadan che comincerà tra un mese. Per ovviare al problema degli spazi, Kamrul chiederà nuovamente il centro civico di via Sernaglia.

Tags: ,