Miteni-Pfas, chiusura indagine disastro ambientale entro l’anno

18:15 – La Procura della repubblica di Vicenza intende concludere entro l’anno l’indagine per disastro ambientale aperta in relazione all’inquinamento da sostanze perfluoro alchiliche (Pfas) prodotte dallo stabilimento Miteni di Trissino (Vicenza). Lo ha fatto sapere oggi il procuratore Antonino Cappelleri, che ha incontrato una delegazione del movimento “Mamme no-Pfas“. Si attende soprattutto il parere dell’Istituto superiore di sanità sulla presenza o meno del pericolo per la salute pubblica.

Secondo Laura Puppato, ex senatrice trevigiana del Partito Democratico «con la legge sugli ecoreati si è aperto un modus operativo per la magistratura che consente di inquadrare correttamente il problema a livello penale, e soprattutto individua modalità di percorso che, nei fatti, impediscono la decadenza del reato. Viene infatti sospesa la prescrizione quando le parti individuano necessità di approfondimento, ascolto di testi, valutazione di ulteriori documenti. Una garanzia di giustizia per coloro che stanno subendo il danno e in questo caso – conclude Puppato – lo hanno subito ignari per anni». (Fonte: Ansa – 15:33)