Catullo, Cariverona: altro scontro con Save e Riello

Continuano le tensioni sull’aeroporto di Verona. Come scrive l’Arena a pagina 14, presidente di Fondazione Cariverona Alessandro Mazzucco (in foto), in occasione del presentazione del bilancio di missione 2017, è tornato a criticare Save, la società aeroportuale veneziana che detiene il 40% della Catullo. «Noi non vogliamo la polemica e non abbiamo nulla di personale con Save e il suo presidente; vogliamo solo far presente che la società aeroportuale di Venezia deve tener conto delle attese di un vasto territorio che comprende Trento, Bolzano, Modena, Mantova e chiediamo quali sono le risposte; perché qui non siamo a Venezia – ha detto Mazzucco – siamo stati inseriti in un sistema aeroportuale del Nordest dove Verona è residuale (…) la nostra unica preoccupazione è che le necessità industriali di Verona non siano solo vicarie dell’Aeroporto di Venezia».

Parole che provocano la replica piccata di «Registriamo l’ennesima sterile dichiarazione del presidente della Fondazione Cariverona, Alessandro Mazzucco, le cui parole dal nostro punto di vista si commentano da sole (…) riteniamo chiuso il dialogo con Cariverona se non nelle sedi ufficiali preposte al confronto tra i soci». Scintille sono volate anche tra Mazzucco e Giuseppe Riello, presidente della Camera di commercio e di Aerogest, la società che raggruppa i soci pubblici veronesi del Catullo. Il presidente di Cariverona lo ha accusato di non aver posto in assemblea le domande di chiarimento che erano state concordate con Provincia e Comune: «mi risulta che Riello abbia agito in modo diverso da quanto richiesto dai soci. Non ha posto le domande che doveva fare e come si fa ad approvare il bilancio se non ti vengono date le risposte?».

Tags: ,