Longarone (Bl), azienda licenzia disabile: colleghi scioperano

Ieri a Longarone in provincia di Belluno i dipendenti dell’azienda Npe (ex Procond) hanno scioperato in segno di protesta contro il licenziamento di un loro collega disabile. Come scrive Marco de’ Francesco sul Corriere del Veneto a pagina 12, i lavoratori hanno incrociato le braccia a turno  dalle 13 alle 14 e dalle 14 alle 15. Il dipendente, dopo un periodo di malattia, era tornato a lavorare ed è poi stato silurato la scorsa settimana, racconta Matteo Caregnato (Fim Cisl): «se è vero che ha superato il periodo di comporto (il periodo durante il quale al datore di lavoro viene impedito di licenziare il dipendente malato, ndr), è anche vero che molti giorni di malattia erano legati alla sua particolare condizione», inoltre «il dipendente è conosciuto da tutti come un gran lavoratore, e come una persona onesta e corretta».

La Fim-Cisl si dice aperta al dialogo con la dirigenza ma intanto ha impugnato il licenziamento chiedendo la reintegra del lavoratore che ora si trova a casa con l’indennità di disoccupazione. «La vicenda riguarda la dignità e l’etica del lavoro in generale – spiega Caregnato – L’azienda anzitutto faccia un passo indietro». Npe (290 dipendenti) faceva parte del gruppo Seldom, poi finito in concordato. Nel settembre del 2017 l’azienda è stata acquistata da De Longhi e successivamente dai cinesi di H&T nel febbraio di quest’anno.

Tags: ,